ASD Roma 2000   Lo sport che voglio

Su Protocollo

E’ attiva, nel territorio della nostra città un’Associazione sportiva con finalità peculiari: Dare a tutti i disabili visivi l’opportunità stimolante di praticare l’attività sportiva che si desidera. La qualità speciale che caratterizza questa iniziativa, è però legata alla realizzazione di un progetto chiamato “Lo sport che voglio” rivolto ai bambini e ai ragazzi in età scolare con difficoltà di reperimento di strutture sportive, che abbiano voglia e mezzi per affrontare il difficile rapporto tre sport e disabilità, nel quale la creazione di percorsi sportivi individualizzati richiede sensibilità e competenze rare.

www.radicaliliberi.net

L’integrazione scolastica degli alunni disabili è stata una conquista che, in linea di principio, ha avuto ed ha un grande valore sociale e culturale; anche se, sul piano più concretamente operativo, ha incontrato e incontra notevoli difficoltà organizzative e pratiche. La nostra Associazione intende fare un ulteriore passo in avanti nel processo integrativo, ponendo all’attenzione della società civile, il problema della qualità del tempo libero dei giovani disabili. Questi infatti troppo spesso, o non sanno come occupare il loro tempo libero, o lo trascorrono facendo attività poco significative, o incontrano pesanti difficoltà sociali e logistiche che lo rendono tempo di noia e di frustrazione. La nostra Associazione si propone di dare un contributo alla soluzione di questo problema offrendo l’opportunità di praticare una o più attività sportive, che hanno un grande valore ricreativo e formativo individuale e sociale.

Il nostro sforzo fatto finora di pochi mezzi e tanta volontà, ci ha consentito di contattare 86 alunni in età scolare e di inserirne 22, i quali praticano prevalentemente nuoto, equitazione e calcetto. L’Istituto Romagnoli ha contribuito alla realizzazione di questa iniziativa, fornendoci informazioni sulle scuole e sugli alunni interessati.

Il progetto “Lo sport che voglio” ha solo un anni di vita e la sua evoluzione sicura dimostra che esso soddisfa un’esigenza reale e sentita dei ragazzi disabili e delle loro famiglie, spesso lasciate sole a districarsi tra pregiudizi, difficoltà logistiche e carenze strutturali di ogni genere.

In una città come Roma, le difficoltà di spostamento per raggiungere gli impianti e le attrezzature sportive sono talvolta quasi insormontabili e per superarli, sarebbe necessario il sostegno di un intervento pubblico e/o privato superiore a quello attuale. La nostra Associazione ha cercato di ovviare a tutto ciò, attuando il progetto in strutture decentrate. Noi ci rendiamo conto che il cammino da fare è ancora lungo e che le finalità di questo progetto appaiono oggi appena potenziali; ed è per questo che chiediamo la collaborazione di tutti coloro che a diverso titolo, si sentano interessati e coinvolti da questo problema.

 

 

Mandaci una e-mail

Inviate ad asdroma2000.org un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.

Vai alla Home Page